Il lago di Santa Maria -

Castiglioncello del Trinoro, Sarteano.


Il podere di Santa Maria assieme al lago si collocano proprio lungo la linea che separa il paesaggio della Val d’Orcia dai boschi dei rilievi montuosi tra Castiglioncello del Trinoro e La Foce: due paesaggi che si mettono in relazione ma differenti tra loro, due paesaggi che ne creano un altro più vasto, tra i più belli e preziosi paesaggi della Toscana.


Attraverso questo progetto, il lago dovrebbe essere valorizzato diventando così il collegamento visivo tra l’orizzonte dato dal paesaggio della Val d’Orcia e dai suoi importanti riferimenti, come il monte Amiata, Radicofani, le colline argillose e i villaggi storici.

Il lago viene usato, da molto tempo ormai, esclusivamente per la raccolta di acque piovane destinate all’irrigazione. Pur continuando ad avere questa funzione, diventerà parte di un giardino, un luogo dove si potrà piacevolmente passeggiare, fermarsi, osservare il paesaggio circostante, scrutare la fauna acquatica che lo abita.


Un nuovo lamdmark è la chiave per migliorare il lago e collegarlo al paesaggio circostante.

Il nuvo percorso è il segno di riferimento tangibile tra il lago e il paesaggio della Val d’Orcia. Il percorso unisce due luoghi: una terrazza ai piedi della quercia esistente per affacciarsi verso la Val d’Orcia; un piccolo molo per sostare sull’acqua. Compreso tra questi si distende un percorso, la sua forma sarà tracciata da piante, cespugli di rose e da massi recuperati dai campi limitrofi.

La terrazza è il luogo da cui ammirare il paesaggio della Val d’Orcia. Una struttura mobile e leggera realizzata in legno e nascosta sotto i rami della quercia e nella vegetazione spontanea già presente sull’argine del lago.

Il molo di legno è il luogo più protetto e appartato, il giardino dell’acqua.

Il bacino del lago diventa il centro acustico del nuovo giardino, come il centro di un padiglione naturale, come sulla scena di un teatro romano in cui il pubblico sono le rive del lago, con i colori e i profumi delle piante lungo il percorso. I suoni del paesaggio sono focalizzati sul molo del lago.

Il molo e la terrazza sono collegati da un percorso disegnato dal susseguirsi di pietre e massi raccolti durante la pulitura dei terreni circostanti. Rose, piante aromatiche e lavande sono le essenze che saranno piantate lungo il percorso per creare un giardino di profumi e colori.

 

×

Comments are closed.